Gli Chef

Vi presento tutti gli Chef che collaborano con 2Ingredienti, per renderlo ancora più interessante con la loro bravura e con le ricette d’autore

 

GIULIANO DONATANTONIO (Ristorante Pineta 1903 Maiori)

“Mi chiamo Giuliano Donatantonio, chef dell’Alleanza Slow Food nel ristorante Pineta 1903 di Maiori. La mia filosofia di vita rispecchia quella della mia cucina: semplicità e rispetto per le materie prime,  per i produttori locali e delle tradizione.  Dopo anni di ricerca e lavoro in molti ristoranti e alberghi, ho preso consapevolezza che soltanto l’approccio slow  ci permette di recuperare non solo le eccellenze e i prodotti locali, rispettandone la biodiversità territoriali, ma anche  valorizzare il paesaggio non solo antropico all’insegna di un’alimentazione sana e ricca, in modo da proteggere e sostenere tutti i piccoli produttori locali destinati a scomparire.  In sostanza, il mio “modus operandi” parte dalla riscoperta del piacere attraverso la cultura del cibo, inteso come intreccio di sapori e saperi, memorie e tradizioni che il territorio ha da offrirci.  Il cibo per me deve  raccontare una storia: quella dei luoghi in cui è stato fatto, delle persone che l’hanno fatto, delle tradizioni dei paesi da cui proviene.  La  mia ottica territorialista mette difatti al centro il territorio, inteso come sensibilità, valore aggiunto, auto-organizzazione locale, e capacità innovativa.  Il cibo, quello ricercato, se volete povero, è per me simbolo, rito, identità, consumo e salute. La mia missione verte  proprio sulla necessità dell’educazione del gusto come migliore difesa contro la cattiva qualità e le frodi e come strada maestra contro l’omologazione  dei nostri pasti, salvaguardando le cucine locali, le produzioni tradizionali, sostenendo un nuovo modello di agricoltura, meno intensivo e più pulito e offrire una cucina sincera, ricca e fatta di eccellenze”.

 

gustavo-milioneGUSTAVO MILIONE (Le Lune Bistrot Pompei)

Gustavo è un giovane esponente della gastronomia salernitana. La cucina, da sempre la sua più grande passione, ha accompagnato tutta la sua crescita diventando così colonna portante della sua vita. Dopo varie esperienze lavorative sia in Italia che all’estero, esordisce presso la Tenuta Lupò a Paestum dove il giovane cuoco affronta un profondo processo di crescita lavorativa consolidato poi da diversi corsi presso chef stellati. Il tutto sempre accompagnato da un attento studio da autodidatta. L’aggettivo che meglio racchiude l’essenza della cucina dello chef Milione è sicuramente “POP”, una tipologia di cucina basata sull’equilibrio dei contrasti, sull’eleganza nell’impiattamento e attenzione agli sprechi. Altrettanto importante e significativo è sicuramente l’aspetto salutistico di un piatto che però non deve mai intaccarne il sapore e profumo.

 

LORENZO IAQUINANDI (Tenuta D’Amore Salerno)

Lorenzo Iaquinandi classe ’89,  sin dalla tenera età di otto anni ha mostrato un amore particolare per i fornelli. Ancora ragazzo si dilettava a realizzare torte per occasioni importati quali compleanni e feste private. Frequenta l’alberghiero “Domenico Rea” di Nocera Inferiore e in quel periodo arriva anche la prima esperienza lavorativa presso il ristorante “Giardino 2” proprietà della Famiglia Rispoli a Cava Dè Tirreni, dove diventa comis di cucina alla partita degli antipasti. Nel 2008 decide di intraprendere un viaggio fino a Pescara dove trova lavoro presso il Grand Hotel Berti-President. Nella primavera del 2009 svolge un stage presso il “Castello” di Montaldo Torinese e qui si occupa del reparto pasticceria. Nel 2010 si stabilisce per circa 2 anni al Park Hotel Colle Degli Angeli in provincia di Grosseto, lavorando al fianco dello chef Francesco Curto. Dopo due anni lontano dal suo paese natale, decide di far ritorno e nel 2012 intraprende una strada completamente diversa cominciando a lavorare in una pasticceria a Nocera Superiore “Gemma”, dove affianca il pasticciere e impara le basi della grande pasticceria artigianale. Nell’anno 2013 arriva la svolta decisiva per il suo bagaglio lavorativo in quanto comincia a lavorare presso il ristorante Morese a Mercato San Severino, ristorante dell’omonimo chef Gaetano Morese, come sous chef. Nei seguenti tre anni e mezzo presso il ristorante Morese la brigata cresce sempre più e lo chef permette a Lorenzo di avere delle altre esperienze lavorative e culinarie diverse, come quella presso il ristorante “Molo Sirena” a Capaccio Paestum. Lavorando ancora con lo chef Morese ha la possibilità di farsi conoscere anche presso “Il Casale San Pietro” a Giffoni per la stagione degli eventi da aprile a settembre, rivestendo  nuovamente il ruolo di chef e lavorando a stretto contatto  con Francesco Forino chef del Ristorante Vineria Buio di Nocera Inferiore. Nel 2017 all’età di 28 anni Lorenzo decide di spiccare il volo e andare per la sua strada cercando di realizzare il sogno di sempre, quello di quando aveva solo 8 anni: diventare chef. Comincia a lavorare presso la “Tenuta D’Amore” a San Mango Piemonte provincia di Salerno, dove ha la possibilità di esprimere se stesso e creare dei piatti totalmente suoi, dove unisce il gourmet alla tradizione dei prodotti tipici. Questa strada intrapresa è appena iniziata ed è in salita. La passione che ha dentro però è talmente forte che gli riserverà ancora molte soddisfazioni e perché no anche tante cose belle.

 

alessandro-brunoALESSANDRO BRUNO (Trattoria Bruno Pontecagnano)

Lo chef Alessandro si presenta così: “Mi chiamo Alessandro Bruno, sono nato a dicembre del ’79 e la presentazione me la scrivo da me…Come gli scatti fotografici in cucina del resto…Non ho lavorato con chef famosi ma con qualche talentuoso. Non ho praticato la cucina sin da piccolo e nemmeno sono figlio d’arte…Nipote semmai. Credo di aver ricevuto un dono. Sono di natura impacciato e quindi lascio immaginare il mio esordio ai fornelli… Lo chef che mi indirizzò per primo mi disse che ero negato…Interessante!! …Ma chi la dura la vince…Di solito… Però sono molto sensibile e caparbio, amo l’arte in ogni sua espressione. Mi piace condividerla cucinando, suonando, fotografando…Sì ma tutto questo amando! Non condivido appieno il km 0 e non sopporto le false stagionalità delle verdure. La cucina è una cosa seria ed ha un percorso lunghissimo che io ho intrapreso e non sarei così sicuro di rifarlo per quanto è arduo. Cooking-jazz … Jazz è il mio stile, un modo di vedere le cose. É un attimo …uno solo! Dove combini sapore, colore e profumi, la nota giusta sull’accordo sbagliato…Il rispetto delle armonie di sempre e la curiosità di nuove armonie dissonanti”.

 

marco follieriMARCO FOLLIERI (Personal chef, collabora con Tenuta Ceranni Cardile )

A tutt’oggi personal chef, nasce a Napoli nel 1955. Inizia la sua splendida carriera lavorando a stretto contatto con il maestro Antonio Tubelli, padrone di casa nel 2007 di una delle sedi didattiche dell’Università italiana di Scienze Gastronomiche. Dal ’99 al 2000 lavora a Lille, in Francia, presso il ristorante “Poutipù”; al ritorno in Italia procede con l’attività di chef, esercitando in varie parti del Paese, ed ottiene una menzione speciale sulla Guida del Touring Club ai migliori ristoranti d’Italia.

 

antonino-marescaANTONINO MARESCA (Pasticciere, consulente e docente di pasticceria artistica)

Nato a Sorrento, Antonino Maresca ha cominciato da giovanissimo l’avventura della pasticceria, lavorando in un piccolo laboratorio della zona. Ben presto la passione l’ha portato lontano di casa, per lavorare in hotel prestigiosi (Sirenuse di Positano, Cipriani di Venezia, Quinta do Lago in Algarve, Lapa Palace a Lisbona, Caruso a Ravello e Terme Manzi a Ischia). In questo intenso periodo si sono susseguiti corsi in scuole del settore e stage con professionisti di spicco, come Iginio Massari, Pierre Hermé, Heston Blumenthal e Raimond Blanc. Hanno fatto seguito le esperienze in ristoranti stellati con Andrea Berton e a seguire sette anni al Mosaico di Ischia, con Nino Di Costanzo, nonché le numerose collaborazioni in giro per il mondo. Adesso Antonino Maresca ha avviato un percorso personale, in cui si occuperà esclusivamente di consulenza e docenza.

 

matteo sangiovanni MATTEO SANGIOVANNI (Executive Chef Savoy Beach Hotel Paestum)

Matteo Sangiovanni nato a Montecorvino Pugliano classe ’76, è lo Chef di Cucina dal 2007 ad oggi presso l’Hotel Savoy Beach di Paestum. E’ anche un noto componente Ufficiale della Nazionale Italiana Cuochi ( N.I.C.), nonché vincitore di diverse Medaglie D’oro alle Internazionali di Cucina avvenute nel corso degli anni. Il suo dessert preferito? Tutti, è golosissimo, ma l’oro bianco di Paestum non deve mai mancare sulla sua tavola delle eccellenze.

 

ALFONSO SAVIELLO (Maestro Pizzaiolo formatore e consulente )

La sua passione per questo lavoro è nata un pò caso e un pò per esigenze economiche. Sette anni fa a Giffoni Sei Casali aprì un locale tutto suo, dove incominciò a farsi le ossa sia al banco delle pizze che in cucina. Dopo le sue esperienze lavorative continuarono tra Londra e Agropoli come gestore di un villaggio turistico. Ancora New York e infine Salerno, dove diventa il capo pizzaiolo della pizzeria Capri. Alfonso è stato un autodidatta, maestri pizzaioli non ne ha avuti. Sacrifici su sacrifici, le soddisfazioni però sono arrivate. Partecipa infatti a campionati nazionali in cui vince il trofeo di pizza veloce.  Ora è formatore e consulente per Molini Pizzuti, viaggia nel mondo per trasmette la preziosa arte del mestiere di pizzaiolo. Cosa consiglia ai giovani che vogliono fare il suo stesso lavoro? Fare il pizzaiolo è una vocazione, amore e passione sono le due cose fondamentali, infine studiare tanta teoria per passare alla pratica. Il suo sogno nel cassetto è aprire un nuovo locale con il pizzaiolo Tommaso Lastra, per portare avanti il progetto #pizzaiolodentro.

 

eliseo-marcielloELISEO MARCIELLO (Ristorante L’Agliara due punti e a capo Battipaglia)

Eliseo è nella ristorazione praticamente da 25 anni. Ha iniziato in sala per 13 anni a Villa Delle Muse a Pontecagnano come responsabile degli eventi (primo catering in Campania). Poi tante esperienze a Roma dove ha conosciuto la cucina romana, è diventato sommelier e ha frequentato corsi su whisky, birre e acque. Rientrato in Campania ha fatto qualche esperienza in pub. Ha da sempre avuto l’idea di aprire un ristorante tutto suo, ma un qualcosa che facesse la differenza, non un posto “per fare numero”. Oggi è ufficialmente in una cucina all’Agliara a Battipaglia. La sua cucina rappresenta il bagaglio accumulato dall’esperienza, dai viaggi, dalla mia innata curiosità di provare tutto. Adora le materie prime e cerca di elaborarle al minimo, partendo dalla tradizione e “innovandole” ma senza andare oltre. L’Agliara è per lui il luogo dove “stare bene”. Capire le impressioni dei clienti, uscire in sala, spiegare il perché dei piatti. Un sorriso nel momento del boccone per Eliseo è la migliore recensione.

michela-altieriMICHELA ALTIERI (Chef O vicolo ‘e l’allerìa Battipaglia)

Chi si nasconde sotto il turbante? Michela è nata nel 1983 e non ha frequentato l’Istituto Alberghiero né qualsiasi altro corso che insegnasse metodi e trucchi culinari. Circa una decina di anni  fa si chiese cosa avrebbe fatto da grande, e più immaginava più pensava che nessuna cosa le avrebbe dato lo stesso piacere del cibo, riferito sia a quello cucinato da lei stessa sia a quello ingurgitato. Ha iniziato in modo quasi incosciente e pian piano a fare esperienza. I suoi ingredienti preferiti? Faccia tosta quanto basta, un pizzico di coraggio, chili e chili di fatica. E nonostante tutte le avventure e le disavventure del mestiere, ci sono solo due motivi per cui è diventata cuoca: uno è perché le piace farlo, il secondo è il continuo tentativo di voler regalare con pochi ingredienti un momento di piacere.

ORNELLA BUZZONE (Chef e Blogger Public House Burger Gourmet Caserta)

Ornella è una giovane donna, nata e cresciuta tra gli odori ed i sapori del sud del nostro Paese! Ha avuto la passione per la cucina sin da piccola, giacché  nata tra i tavoli e la cucina del ristorante di sua nonna. Passava molto tempo con lei e da bambina amava guardare i piatti uscire dalla cucina pronti per essere serviti in tavola e subito dopo il sorriso delle persone nel mangiarli. È così che ha capito che cucinare con cuore e passione dona felicità alle persone; proprio per questo motivo oggi, quando è giù, o una delle sue amiche è triste, cucina! Ha lanciato anche un Blog “Fatto in Casa è più Buono” grazie a suo padre che è uno dei più grandi estimatori della sua cucina. Così un bel giorno ha pensato: “Perché non iniziare a scrivere le mie ricette e raccontare agli altri perché cucino?”. Il suo blog di cucina è il suo angolo di paradiso nel quale si rifugia dopo giornate di lavoro intense. Ama la cucina con i suoi odori e colori ed ama l’amore sotto qualsiasi forma. Ornella ritiene sia importante conservare il sapore autentico e genuino delle cose. E di certo quelle preparate in casa con le proprie mani restano le più buone e con la stessa passione infatti  assembla i suoi panini gourmet nel suo strepitoso locale a Caserta.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...